sabato, 24 giugno 2017 17:41
Advertisement
Home Page arrow Donne di Calabria arrow Una Mujer Calabrese, la storia di Irma Rizzuti

Menu principale
Home Page
Chi Siamo / Who we are
L'Associazione
Calabria Mondo
Redazione
Per contattarci e per associarsi
Editoriali
Dalla Calabria
Dall'Italia
Dal Mondo
Donne di Calabria
L'Unaie
Blog
Notizie ed Eventi
Consulenza legale
Paesi e bellezze di Calabria
UniversitÓ e ricerca
Indirizzi utili
Ricerca
Amministratore
Una Mujer Calabrese, la storia di Irma Rizzuti PDF Stampa E-mail
Inviato da Renata Gualtieri   
sabato, 26 maggio 2007 15:48

È Irma Rizzuti, presidente dell’Associazione Donne Calabresi in Argentina, una donna da sempre dedita alla vita politica e al sociale.
Nasce nel 1942 a Serra Pedace e all’età di sette anni abbandona la sua terra assieme ai quattro fratelli e sotto la guida del padre Pietro Rizzuti, commerciante di carbone, e della madre Luisa Pilluso, alla volta dell’Argentina.
A Buenos Aires riceve l’incarico di consigliere e, per dimostrare la sua italianità, si batte a lungo per l’approvazione di una legge che garantisce l’insegnamento dell’Italiano nelle scuole medie e l’organizzazione di una settimana per la diffusione della cultura italiana.
Si impegna strenuamente per assicurare il rispetto delle pari opportunità tra uomo e donna all’interno del COM.IT.ES.
Nel’70, durante la dittatura militare perde la cittadinanza italiana e si allontana momentaneamente dalla politica per dedicarsi al canto, al tango argentino, alla lirica e alla passione per il teatro.
Entra a far parte della FACA e della Feditalia e nel 1999 istituisce nel rione di Almagro la “Liga solidaria de mujeres calabresas” assieme ad un nutrito gruppo di donne di origini calabresi.
Sono nonne, mamme, figlie che partecipano a corsi di formazione per capire la loro storia, si incontrano per raccontarsi le loro esperienze nell’intento di conservare la loro identità culturale, il loro dialetto e le loro tradizioni, cercando comunque di adattarsi ad una nuova realtà, fiaccata purtroppo da una grave crisi economica.
Diverse le iniziative: dalla raccolta di viveri per i meno abbienti all’istituzione della “Settimana della Calabria”, con la partecipazione di artisti calabresi e l’elezione di Miss Calabria in Argentina, e la “Giornata della donna” in cui viene nominata la donna calabrese dell’anno.
Ha ricevuto proprio recentemente il Premio Calabria America per il suo impegno rivolto ai problemi legati all’emigrazione e per l’attenzione rivolta alle italiane che fanno parte della comunità argentina.
Nei suoi interventi ricorre più volte l’idea dell’“associazionismo”per promuovere la cultura calabrese e costituirla parte attiva della realtà politica e sociale.
Un ruolo più vivo, una rete d’impegno, di diffusione culturale e di valori che vada che vada al di fuori delle singole associazioni e coinvolga le nuove generazioni.

Renata Gualtieri

Ultimo aggiornamento ( sabato, 26 maggio 2007 15:52 )

Top!