domenica, 20 agosto 2017 02:33
Advertisement
Home Page arrow Dalla Calabria arrow Cultura & dintorni arrow “IO. INDIFESI” BATTEZZA IL REGGIO FILM FEST

Menu principale
Home Page
Chi Siamo / Who we are
L'Associazione
Calabria Mondo
Redazione
Per contattarci e per associarsi
Editoriali
Dalla Calabria
Dall'Italia
Dal Mondo
Donne di Calabria
L'Unaie
Blog
Notizie ed Eventi
Consulenza legale
Paesi e bellezze di Calabria
Università e ricerca
Indirizzi utili
Ricerca
Amministratore
“IO. INDIFESI” BATTEZZA IL REGGIO FILM FEST PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
domenica, 07 febbraio 2010 21:55
Un giovane  e promettente regista calabrese, Alessandro Grande, inaugura la rassegna in riva allo stretto

E’ stato “Io. Indifesi”, il cortometraggio del catanzarese Alessandro Grande, ad aprire la sesta edizione del Reggio Calabria Film Fest. Il corto-spot ha coinvolto totalmente gli spettatori del cinema Odeon; le azioni, i pensieri e le immagini forti del dramma di un figlio costretto sulla sedia a rotelle e di un padre esasperato hanno fatto da vetrina alla kermesse organizzata dalla Minerva Pictures nella punta dello Stivale. Per Grande una doppia soddisfazione: quella di aver “battezzato” un festival di grande rilevanza mediatica e culturale, e quella di aver strappato applausi e consensi dal pubblico e dalla critica.

Entusiasta il direttore artistico del festival Gianluca Curti, nonché presidente della Minerva Pictures, casa di produzione e distribuzione cinematografica tra le più importanti in Italia. Curti ha pubblicamente elogiato Grande per le sue doti tecniche e la straordinaria sensibilità che lo spinge sempre a trattare storie importanti e mai banali.

«C’è bisogno di parlare di questo spaccato sociale che purtroppo esiste e non può essere ignorato – ha sottolineato Alessandro Grande –. Storie come quella che ho deciso di raccontare sono frequenti in Italia e in tutto il mondo. E non si può nasconderle. Anzi, bisogna  parlarne, parlarne e ancora parlarne. Padre e figlio sono entrambi vittime. E’ lo spettatore a doversi imbarcare sulla giusta rotta e trarre un senso positivo dal mio cortometraggio».


Top!