mercoledý, 23 agosto 2017 17:53
Advertisement
Home Page arrow Dal Mondo arrow Notizie dal Mondo arrow Un calabrese ai vertici mondiali di Yahoo

Menu principale
Home Page
Chi Siamo / Who we are
L'Associazione
Calabria Mondo
Redazione
Per contattarci e per associarsi
Editoriali
Dalla Calabria
Dall'Italia
Dal Mondo
Donne di Calabria
L'Unaie
Blog
Notizie ed Eventi
Consulenza legale
Paesi e bellezze di Calabria
UniversitÓ e ricerca
Indirizzi utili
Ricerca
Amministratore
Un calabrese ai vertici mondiali di Yahoo PDF Stampa E-mail
Scritto da Di Silvia S.Kelly   
sabato, 13 febbraio 2010 16:03

ImageÈ nato a New York, da genitori anche loro americani, ma le sue origini sono italiane e, più precisamente, calabresi (terra in cui è nato suo nonno, che emigrò negli Stati Uniti d’America  ai primi del Novecento).

Si chiama James Anthony Pitaro ed è famoso nel mondo per il ruolo di primissimo piano che occupa all’interno del colosso californiano Yahoo!, dove ricopre la carica di Vice President and General Manager.

Sempre a Yahoo!  un altro suo congiunto, Jimmy Pitaro, si occupa di Media, Entertainment, Audience e altro.Una curiosità. Intanto, una vera e propria “chicca” – come dicono molti in Italia – riguarda proprio il cognome prettamente italiano e calabrese: Pitaro.Negli Usa, dove risiedono altre persone di successo che portano questo cognome, si starebbe pensando di creare un website che avrebbe come scopo fondamentale quello di raccogliere tutti coloro i quali, nel mondo, portano il cognome Pitaro.

Peraltro, a chiamarsi Pitaro – e per di più Antonio, come il nostro James Anthony – la storia italiana, ma soprattutto quella francese, ricorda un famoso personaggio dell’Ottocento: quell’Antonio Pitaro (scienziato, accademico, docente alla Sorbona, giacobino, massone, amico di Giuseppe Mazzini e medico personale della famiglia di Napoleone Bonaparte) che appunto chiese asilo in Francia subito dopo la caduta della Repubblica Partenopea.

Oggi, in Italia e nel mondo, di Pitaro affermati e noti ce ne sono, moltissimi, stando a quanto mi dicono. Basti ricordare, sempre a New York, il doctor Gregory M. Pitaro, scienziato del Departement Univercity oh Medicine. E ancora, il doctor in Somers Robert Pitaro della Pediatricion della Capitale staunitense; il legale Thomas F. Pitaro, di Las Vegas, practicing in Criminal defense e oggi giudice; la doctor Mary Pitaro della Internal Medicine Physicion Justice; Lara Pitaro, major league Baseball’s Information, sempre di New York; Lidya Haya Pitaro, che vive ed opera a Israele; il doctor Paul Pitaro, dell’Australia, Romeo Pitaro, della Professional Corporation, Injuury Lawyrs, di Richmond Hill Ontario, tutti di origini calabresi.

Anche la terra di Calabria, ovviamente, risponde in maniera eccellente. Tra i Pitaro piuttosto affermati, conosciuti e stimati, cito a caso dei nomi comunicatimi proprio di recente: il giornalista e scrittore Vincenzo Pitaro, di Gagliato, che è anche author Siae per la parte letteraria; il viceprefetto Eugenio Pitaro, di Catanzaro; il giornalista Romano Pitaro, dell’Ufficio Stampa Regione Calabria; l’avvocato Francesco Pitaro, di Catanzaro; la farmacista Maria Luisa Pitaro, anche lei di Catanzaro; la commercialista Teresa Pitaro, di Soverato; l’avvocato Giuseppe Pitaro, di Catanzaro, che fra l’altro è sindaco di Torre di Ruggiero; il prof. Nicola Pitaro, di Vibo Valentia, segretario regionale dello Snals; l’avvocato Graziano Pitaro, di Novalba di Cardinale; l’avvocato Giandomenico Pitaro, del Foro di Parma; e tanti altri ancora, probabilmente meno noti, che in questo momento potrebbero anche sfuggire alla nostra attenzione, e di questo ovviamente ce ne scusiamo tutti.

Poi, consentitemelo: naturalmente ci sono anch’io, che non sono italiana ma solo felicemente sposata con un italiano-Calabrese che porta questo cognome. Vivo negli Usa e per  due anni e sette mesi ho lavorato in Italia come corrispondent da Roma. Ora insegno presso la School of Journalism, University of California, Berkeley, oltre a far parte dell’American Society of Journalists and Authors di New York. Adoro l’Italia ma ora ho un motivo in più per amare la bellissima Calabria.

Di Sylvia S. Kelly
NEW YORK PRESS

Ultimo aggiornamento ( sabato, 13 febbraio 2010 16:50 )

Top!