domenica, 22 ottobre 2017 15:28
Advertisement
Home Page arrow Dall'Italia arrow Notizie dall'Italia arrow Natuzza Evolo, il miracolo di una vita

Menu principale
Home Page
Chi Siamo / Who we are
L'Associazione
Calabria Mondo
Redazione
Per contattarci e per associarsi
Editoriali
Dalla Calabria
Dall'Italia
Dal Mondo
Donne di Calabria
L'Unaie
Blog
Notizie ed Eventi
Consulenza legale
Paesi e bellezze di Calabria
Universit e ricerca
Indirizzi utili
Ricerca
Amministratore
Natuzza Evolo, il miracolo di una vita PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
sabato, 12 giugno 2010 09:15

Una gremita Sala delle Conferenze della Camera dei Deputati ha ospitato l’incontro dedicato a Natuzza Evolo organizzato dall’Associazione Internazionale Calabresi nel Mondo - aderente all’U.N.A.I.E e patrocinato dal Comune di Roma.


Tante le personalità presenti all’incontro moderato da Gennaro Maria Amoruso, Presidente dell’Associazione Internazionale Calabresi nel Mondo, tra questi: Antonio Catricalà, Presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, Giuseppe Chiaravalloti, vice Presidente dell’Autorità garante della privacy, Francesco Bevilacqua, senatore, Dorina Bianchi, senatrice, Mario Caligiuri, Assessore alla Cultura della Regione Calabria, Francesco Surace, assessore al Bilancio della Provincia di Reggio Calabria, Francesco Macrì, Sindaco di Locri, Sebastiano Giorgi, Sindaco di San Luca, Maria Beatrice Savoia, principessa di Casa Savoia, Maria Catricalà, professore di Linguistica Generale presso l’Università di Roma Tre, Marisa Fagà, consigliera CNEL, Francesco Cognetti, Responsabile del Dipartimento di Oncologia dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma, Roy de Vita, Primario della Divisione di Chirurgia Plastica dell’Istituto dei Tumori di Roma “Regina Elena”, Caterina Guarna, vice capo di gabinetto del Ministro per la pubblica amministrazione ed innovazione, Caterina Catricalà, Direttore Dermatologia Oncologica Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS – Roma, Giovanni Amoruso, fondatore dell’Associazione Internazionale Calabresi nel Mondo, Gemma Gesualdi, Presidente associazione “Brutium”, Domenico De Sossi, presidente onorario F.U.S.I.E., Giuseppe Amelio, Presidente associazione “Amici di Mattia Preti”, Salvatore Panetta, Presidente associazione “Icaro I Calabresi a Roma”, Antonio Minasi, Presidente associazione “Amici casa della cultura Leonida Rèpaci”, Giuseppe Trieste, Presidente “Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche”.

La manifestazione è stata anche l’occasione per presentare il libro scritto da Luciano Regolo dal titolo “Natuzza Evolo. Il miracolo di una vita”, edito da Mondadori e per continuare a promuovere l’attività della Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime di Paravati (VV), rappresentata dal suo Presidente Don Pasquale Barone.

La numerosa e qualificata partecipazione è stata la dimostrazione che ovunque si parli di Natuzza Evolo, centinaia di persone si riuniscono per rivisitare con rievocazioni e ricordi diversi ed appassionanti un personaggio a dir poco straordinario - ha detto Gennaro Maria Amoruso – il ringraziamento alla famiglia di Natuzza che ha permesso alla nostra associazione di poter celebrare nella prestigiosa sede della Camera dei Deputati questa straordinaria e grande Calabrese.

Sentito è stato l’intervento di Franco Narducci, Vice Presidente della Commissione Affari Esteri della Camera dei Deputati e Presidente UNAIE, il quale ha tracciato una rapida biografia della mistica ed ha sottolineato il fatto di come la comunità calabrese sia molto legata ai propri simboli ed alla propria terra e questo legame si testimonia con la partecipazione all’evento dedicato alla mistica di Paravati.

Il filo delle testimonianze ha caratterizzato gli interventi degli altri relatori, a partire da quello di Domenico Naccari, consigliere Comunale di Roma e delegato dal Sindaco Alemanno ai rapporti con la comunità calabrese, presso la cui famiglia materna Natuzza prestò servizio per anni. Quello di Naccari è stato un intervento sia istituzionale che personale, condito dal racconto di diversi episodi relativi alla vita di Natuzza, tutti pieni di particolari e di sfaccettature, molte delle quali poco note ai più, ma che rappresentano la straordinarietà del personaggio.

In rappresentanza di Giuseppe Scopelliti, Presidente della Regione Calabria è intervenuto l’assessore alla Cultura Mario Caligiuri il quale ha sottolineato la valenza culturale dell’appuntamento organizzato dall’Associazione Internazionale Calabresi nel Mondo, protagonista a Roma e non solo di iniziative di pregio, ed ha ribadito come la Calabria ha grandi tradizioni culturali che possono costituire un volano di crescita e di sviluppo.

Un emozionato ed inconsueto Antonio Catricalà, ha rappresentato all’interessata platea una diretta testimonianza del suo primo incontro con la mistica, avvenuto circa quaranta anni fa, quello che mi ha colpito è stata la profondità dello sguardo di questa donna- ha detto Catricalà- in quei momenti ho compreso che Natuzza aveva la capacità di capire ogni mio pensiero e questa consapevolezza mi ha accompagnato per tutta la vita.

Particolarmente lieto di portare il proprio contributo è stato Luciano Regolo autore della poderosa biografia dal titolo “Natuzza Evolo. Il miracolo di una vita”, edito da Mondadori nell’occasione presentata alla platea presente. Anche Regolo ha raccontato il suo primo incontro con la Evolo ed ha sottolineato come episodi e circostanze della propria vita erano perfettamente conosciuti da “Mamma Natuzza”, poi si è soffermato sulla suo libro e sul senso che un racconto del genere vuole avere, cioè quello di far conoscere il valore di questa donna, di comunicare il suo potentissimo messaggio, ma al tempo stesso di essere un valido sostegno per tutte le attività della Fondazione.

La chiusura è stata affidata a Don Pasquale Barone, Presidente della Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime di Paravati (VV), istituto fortemente voluto da Mamma Natuzza. Don Barone dopo un suo ricordo personale, ha illustrato ai partecipanti quelle che sono le attività della Fondazione ed i progetti in corso come la costruzione della Chiesa, che una volta terminata potrà accogliere oltre tremila fedeli, ed il centro per l’accoglienza dei malati terminali.

La sensazione di molti partecipanti all’evento è stata quella di un senso di pace e di gioia sotto lo sguardo calmo e soave di Natuzza Evolo, una donna calabrese, forte e coraggiosa, umile e semplice che in un mondo disorientato come il nostro rappresenta una testimonianza di fede, di speranza e d’amore.

 Redazione

 

Ultimo aggiornamento ( domenica, 13 giugno 2010 14:39 )

Top!