domenica, 22 ottobre 2017 15:26
Advertisement
Home Page arrow Dall'Italia arrow Notizie dall'Italia arrow Arriva a Roma "Ammaliata"

Menu principale
Home Page
Chi Siamo / Who we are
L'Associazione
Calabria Mondo
Redazione
Per contattarci e per associarsi
Editoriali
Dalla Calabria
Dall'Italia
Dal Mondo
Donne di Calabria
L'Unaie
Blog
Notizie ed Eventi
Consulenza legale
Paesi e bellezze di Calabria
UniversitÓ e ricerca
Indirizzi utili
Ricerca
Amministratore
Arriva a Roma "Ammaliata" PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
domenica, 12 settembre 2010 11:22
Si svolgerà il prossimo 17 settembre con inizio alle ore 21:15 presso il Teatro Palladium nel quartiere Garbatella lo spettacolo “Ammaliata” composto e diretto da Giuseppe L. Bonifati ed a cura della Compagnia Divano Occidentale Orientale

La ricerca drammaturgica di “Ammaliata” è partita come una larga spirale di lingue con certe
assonanze della Calabria, della Basilicata, della Campania e della Puglia, che arrivano dal mare,
dalla montagna, a celebrare matrimoni di suoni, oscuri riti popolari. La messinscena non è
spettacolo, non può esserlo soltanto. E’ anche la volontà espressiva e pittorica del sottoscritto; di
un un mondo, quello popolare, che dura ancora.
“Ammaliata” è l’appellativo col quale viene designata una persona che è stata colta dal fascino a
motivo della sua avvenenza o semplicemente per invidia. Esistono formule di scongiuro in grado di
placare il fascino subito. Questi riti sono molto praticati in tutta la Calabria e fanno parte di un
gruppo di credenze popolari ben più ampio, ancora in vita, strettamente legate ad una complessa
simbologia mitico-religiosa presente tutt’oggi. Vi è comunque uno scarto da notarsi tra le vecchie e
le nuove generazioni: un gap generazionale che ha prodotto una mancanza di valori, usi, costumi
della cultura del popolo basso.
Questo è dunque un motivo per riafferrare ricordi, immaginare parole per evocare ricordi: la
nostalgia di sensazioni, in una sinfonia di vitalismi meridionali dove salta fuori ciò che è e ciò che
più non è.
Alla base di questo lavoro sono dunque gli occhi.

Top!