mercoledý, 23 agosto 2017 17:49
Advertisement
Home Page arrow Dalla Calabria arrow Cultura & dintorni arrow Paravati, celebrato l'anniversario per la morte di Natuzza Evolo

Menu principale
Home Page
Chi Siamo / Who we are
L'Associazione
Calabria Mondo
Redazione
Per contattarci e per associarsi
Editoriali
Dalla Calabria
Dall'Italia
Dal Mondo
Donne di Calabria
L'Unaie
Blog
Notizie ed Eventi
Consulenza legale
Paesi e bellezze di Calabria
UniversitÓ e ricerca
Indirizzi utili
Ricerca
Amministratore
Paravati, celebrato l'anniversario per la morte di Natuzza Evolo PDF Stampa E-mail
Scritto da Gennaro Amoruso   
martedý, 02 novembre 2010 17:02

ImageMigliaia i fedeli provenienti da tutta la regione per rendere omaggio alla mistica di Paravati, Natuzza Evolo, ad un anno dalla sua scomparsa. 

Migliaia i fedeli provenienti da tutta la regione per rendere omaggio alla mistica di Paravati, Natuzza Evolo, ad un anno dalla sua scomparsa. 
Il raduno nel parco della Fondazione Cuore Immacolato di Maria rifugio delle Anime a Paravati, principale frazione di Mileto, per partecipare alla celebrazione eucaristica in memoria della donna presieduta dal vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, Luigi Renzo, il quale ha voluto ricordare il significato della festività liturgica di Ognissanti, ha esordito affermando che «in questa moltitudine di santi oggi cerchiamo e incontriamo Mamma Natuzza a un anno dalla sua dipartita». 
Non è mancato anche il monito del vescovo sulla santificazione della mistica: «è certamente un auspicio e ce lo auguriamo tutti. Ma intanto dobbiamo rispettare i tempi canonici dei 5 anni previsti dalle norme della Chiesa prima di avviare l'istruttoria per la causa di beatificazione. 5 anni passeranno presto».
Non è mancato un richiamo ai fedeli verso la redenzione e la conversione e poi il momento più forte dell’omelia del vescovo, quando esplicitamente egli si riferisce a Natuzza chiamandola santa e chiedendo «a questa nostra santa di pregare, di vegliare sulle nostre famiglie, sui malati, sui poveri, sulle vittime dell’usura e del malaffare; chiediamo a lei di pregare anche per i malavitosi perché si convertano ad una vita più giusta; chiediamo di pregare per la Chiesa e per tutti noi, di vegliare su questo nostro mondo, su questa nostra terra perché scompaiano le disparità sociali, le ingiustizie, la violenza, le sopraffazioni di ogni tipo. Sappiamo che dove ci sono questi fenomeni non c’è pace per nessuno, non c’è santità».

 Fonte Il Quotidiano della Calabria

Ultimo aggiornamento ( venerdý, 03 dicembre 2010 11:09 )

Top!